IL DIARIO ALASSINO

martedì 26 luglio 2016

Anche oggi con un Consiglio Comunale degno di un sistema dittatoriale di una repubblica centroafricana, la minoranza ha visto e vissuto l'ennesimo abuso di potere di questa amministrazione Canepa (di Angelo Galtieri)

Anche oggi con un Consiglio Comunale degno di un sistema dittatoriale di una repubblica centroafricana, la minoranza ha visto e vissuto l'ennesimo abuso di potere di questa amministrazione Canepa. 

Fatti : in data 4 luglio viene richiesta dalle minoranze consiliari la convocazione del Consiglio Comunale per discutere i punti da Noi depositati da oltre un mese; in data 20 luglio la Presidente del consiglio convoca per oggi 24 luglio la riunione del Consiglio Comunale; in data 22 luglio invio a mezzo Pec certificata la diffida qui sotto riportata…. 

 =========000000000000000===========

Vista la convocazione in oggetto, protocollo n° 469 del 20 Luglio 2016; Visto l’art. 38 comma 7 del decreto legislativo n° 267 del 2000 recita: ”le sedute del consiglio e delle commissioni .si tengono preferibilmente in un arco temporale non coincidente con l’orario di lavoro dei partecipanti” (D.L. 13 agosto 2011 n.138 convertito con Legge 14 settembre 2011 n.148); - Visto il mancato rispetto anche dell'art. 39 comma 2 del Tuel che recita come segue: “2. Il presidente del consiglio comunale o provinciale è tenuto a riunire il consiglio, in un termi ne non superiore ai venti giorni, quando lo richiedano un quinto dei consiglieri, o il sindaco o il presidente della provincia, inserendo all'Ordine del giorno le questioni richieste; - Visto che la richiesta di convocazione protocollata in data 04 luglio 2016 non ha avuto il rispetto dei tempi previsti; CONSIDERATO che queste gravi inadempienze su richiamate, possono compromettere la partecipazione dei Consiglieri alle attività istituzionali dell’Ente e comunque ne ledono i diritti, con la presente, INVITA e DIFFIDA il Presidente del Consiglio Comunale di Alassio a voler adempiere a quanto previsto dalla Legge e dal regolamento, essendo tenuto a preventivamente incontrare i Capigruppo consiliari per trovare una data condivisa. Regolamento Comunale di Alassio - art. 8 - Compiti e poteri del Presidente 1. Il Presidente, nell'esercizio delle sue funzioni, è organo di garanzia posto a salvaguardia delle prerogative del Consiglio e dei singoli Consiglieri. Si ispira a criteri di imparzialità e neutralità e gode di una rappresentatività istituzionale ricollegabile ad un rapporto di fiducia dell'intero consiglio che lo ha eletto. In attesa di un riscontro e a disposizione per ogni utile e costruttivo confronto per risolvere pacatamente la questione, invio i migliori saluti. 

A fronte di questa mia richiesta ricevo la seguente risposta dal Presidente del Consiglio in data 25 luglio 2016 : 
“Rilevo la sua ricorrente richiesta di convocazione del consiglio” in un arco temporale non coincidente con l'orario di lavoro dei partecipanti”, e le evidenzio che le riunioni consigliare al mattino rispondono anche a questa esigenza. Infatti siamo amministratori di una città turistica, pertanto l'orario di lavoro della maggior parte dei consiglieri, soprattutto nel periodo estivo, coinvolge l'intero arco della giornata . Senza tenere conto degli impegni istituzionali che sovente ci coinvolgono nelle ore serali. Inoltre come detto più volte, la soluzione dei consigli in orario di apertura degli uffici, consente di avere a disposizione tutto il personale e poter così garantire ogni utile informazione per il dibattito consigliare, nonché la necessaria presenza del personale addetto al Consiglio senza oneri aggiuntivi per spese straordinario . La convocazione del Consiglio è avvenuta nei 20 gg dalla vostra richiesta. In ogni caso, le scadenze di legge previste per assestamento ed equilibri di bilancio ( termine del 31/7) da contemperare con il connesso lavoro degli uffici, hanno suggerito per oggettive ragioni di economia organizzativa, di riunire il consiglio in un'unica occasione . Non vi è alcuna norma che impone al presidente del Consiglio di incontrare i capigruppo per trovare una data condivisa per riunire il consiglio .” 

Così il Presidente con risposta totalmente evasiva sulle norme di legge richiamate ha liquidato l'argomento. 

Ora, poiché in Italia ho visto ministri acquisire alloggi a loro insaputa, primi ministri cedere tratti di mare Italiano alla Francia a nostra insaputa, ammetto che sono stato colto dal dubbio che a mia insaputa abbiano modificato la fonte delle leggi, ed ora i regolamenti comunali siano preponderanti sulle leggi Nazionali ! Come dubitare, rammentandomi che in Consiglio abbiamo un Sindaco che ha giurato nelle mani del Prefetto che rispetterà la Costituzione Italiana e le sue leggi, un Segretario Comunale che mai potrebbe avvallare una violazione del TUEL, ed infine un Presidente “super partes” che non mentirebbe, sapendo di mentire. 

Così stamane fiducioso (ahimè) di vivere in uno Stato di diritto chiedo ripetutamente rassicurazioni sulla modifica eventuale del prevalere ( sempre per il principio delle fonti) del regolamento comunale, in evidente contrasto col TUEL, quale era l'ordine di prevalenza tra regolamento e TUEL. 

Le risposte, non pervenute, per chi vuole sentirle sono disponibili in streaming se non sono state già “censurate”. 

La valutazione delle menzogne argomentate dal Presidente del Consiglio nella sua risposta, le lascio a chi ha come me un minimo di conoscenza della macchina amministrativa. 

Angelo Galtieri 
consigliere comunale capogruppo “Insieme X”

NO DECLINO: Alassio attira il turismo vip. Una principessa araba e la sua corte al Grand Hotel

Da "LA STAMPA" del 26 luglio 2016


lunedì 25 luglio 2016

DEPURAZIONE IN BOLLETTA, DOMANI AL PUNTO 17 DEL CONSIGLIO COMUNALE

Domani in Consiglio Comunale al punto 17 una questione sollevata dal gruppo di minoranza Insieme X che richiama quanto da noi Meetup Beppe Grillo Alassio abbiamo denunciato un paio di anni fa alla Corte dei Conti e cioè l'accantonamento in bolletta di una quota destinata alla depurazione, un servizio che in realtà non abbiamo. 

Sembrerebbe che il commissario prefettizio in carica nel 2013 nel breve periodo di primavera tra la decaduta giunta Avogadro e la nuova insediatasi amministrazione Canepa Sindaco abbia a suo tempo intimato La SCA a restituire agli utenti quanto nel tempo illecitamente accantonato ma che la stessa non abbia provveduto a predisporre la modulistica impedendo quindi ai cittadini comunque ignari del provvedimento di richiedere la restituzione. 

In Consiglio verrà chiesta la proroga di un anno per permettere e consentire ai cittadini di veder restituito il dovuto. 

Saremo presenti, e attendendo ci domandiamo qual è la somma totale accantonata, qual è la somma dovuta ad ogni cittadino, su quale conto bancario sono depositate queste somme, a quale tasso di interesse, quanto ci ha guadagnato il Comune nel depositare le somme e come ultima domanda perché silenzio, perché mancanza di informazione, perché mancanza di trasparenza, perché assenza completa di dialogo con i cittadini che eleggono e dovrebbero essere serviti dai propri amministratori?

Il declino di Alassio. Ha perso importanti presidi come Capitaneria di Porto (a Loano) e Guardia di Finanza (ad Albenga). Politicamente teleguidata da un politico loanese e con l'importante settore dei lavori pubblici, urbanistica e edilizia privata affidato da Canepa alla responsabilità di un professionista, con trascorsi politici, albenganese. Il tutto senza "reciprocità" e questo è grave



Per vedere il disciplinare di incarico clicca sotto:

L'invasione tra Alassio e Laigueglia di turisti low cost

Da "IL SECOLO XIX" del 25 luglio 2016



venerdì 22 luglio 2016

Alassio: I fatti e le B...... dell'assessore Vinai

Da IVG del 22 Luglio 2016                 

Noli, Vezzi Porzio, Spotorno, Bergeggi, Vado Ligure, Quiliano, Albissola Marina, Celle Ligure, Varazze, Millesimo, Cengio e Roccavignale. Sono i “magnifici 13” comuni del savonese che fanno parte della lista delle 83 località virtuose liguri in fatto di presentazione di programmi di riciclaggio dei rifiuti.

I comuni virtuosi si spartiranno un finanziamento da un milione di euro dalla legge 20 sulla raccolta differenziata approvata dalla Giunta Toti alla fine dello scorso anno. La conferma è arrivata oggi dall’assessore regionale all’Ambiente e al Ciclo dei Rifiuti, Giacomo Giampedrone al termine della riunione del Comitato d’Ambito regionale che ha effettuato la valutazione dei programmi, sulla base dello screening compiuto dagli uffici regionali, provinciali e di ARPAL.

“E’ questo il primo risultato concreto della nostra legge sui rifiuti che ha voluto cambiare marcia rispetto alla politica ambientale ereditata dal passato e definita trasversalmente arcaica dalla Commissione parlamentare di inchiesta sui rifiuti – spiega l’assessore Giampedrone –. Il milione era stato stanziato nella nostra legge e deve servire a incrementare i livelli di raccolta differenziata sul territorio sostenendo le iniziative proposte dai Comuni”.

I Comuni erano stati incentivati a presentare le richieste in forma aggregata e ad orientarsi verso il passaggio al porta a porta. Tra i criteri individuati per la selezione dei Comuni da premiare anche la percentuale di cofinanziamento proposta e il merito tecnico degli interventi inseriti nelle proposte.

Da IVG del 8 aprile 2016

Alassio. Ormai si fa fatica a tenere il conto delle repliche e controrepliche sulla questione rifiuti ad Alassio. All’ultima uscita del consigliere Angelo Galtieri, risalente a ieri, non ha tardato ad arrivare la risposta di Angelo Vinai, Assessore all’Ambiente del Comune di Alassio.

“Invece di invocare l’emergenza democratica, il consigliere Galtieri impari a leggere i documenti. Per sua conoscenza, oltre che per evitare che lui possa diffondere false informazioni, il Comune di Alassio rispetta perfettamente i parametri richiesti dalla Regione Liguria: nel 2015, la percentuale di raccolta differenziata è stata del 45,772%. Il decreto regionale richiede il raggiungimento del 45% nel 2016 – da noi raggiunto con un anno di anticipo – del 50% nel 2017, del 55% nel 2018, del 60% nel 2019 e del 65% nel 2020. Non solo rispettiamo le indicazioni, ma siamo anche avanti con i tempi, e in netta crescita” precisa l’assessore.

Galtieri, che spende buona parte del suo tempo in Comune, si informi meglio: i prospetti sono a disposizione. Non risponderemo ad altre provocazioni. La smetta di strumentalizzare e di gridare al lupo: così, dimostra solo la sua incapacità di leggere i dati e dà prova di scarsa onestà intellettuale, a solo danno della città” conclude l’Assessore Angelo Vinai.

Passa lo stretto di Gibilterra, la nave Amerigo Vespucci arriva a Lisbona (Portogallo) per The Tall Ships Races 2016